ll piede piatto è una deformità caratterizzata da un appianamento della volta plantare.
Essa è una delle più comuni entità nosologiche che si possono presentare all'osservazione dell'ortopedico.
 
piede piatto.it
dott. Massimo Drommi
chirurgo ortopedico specialista in patologia del piede
Clinica Mater Dei, via Bertoloni 34, Roma - Tel. 06 802206060

e-mail: drommi@libero.it
Cellulare: 3386996813

 
La cura del PIEDE PIATTO nel BAMBINO
La cura del PIEDE PIATTO negli ADULTI
la cura del piatto nel bambino e nell'adulto
 

Marcia a punte in dentro

Antiversione femorale
Problema infantile molto comune presente nel 10% dei bambini tra i 2 e 5 anni.
Nella maggior parte dei casi e’ una condizione assolutamente benigna rappresentando un’aspetto transitorio del processo di maturazione della crescita scheletrica.
E’ importante che il bambino venga controllato da uno specialista per accertare la completa assenza di sintomatologia dolorosa, di asimmetrie degli arti, di alterazioni funzionali delle anche e delle ginocchia, di disordini sistemici , in modo da poter accertare una condizione benigna con prognosi eccellente.
La maggior parte dei bambini con tale disturbo cessano infatti spontaneamente di intrarotare il passo prima dei 9 anni di eta’.

Esistono tre cause di deambulazione a punte in dentro:
• La persistenza dell’’antiversione femorale a livello dell’anca
• La torsione tibiale interna
• L’avampiede addotto

 

L’antiversione femorale e’ legata all’eccessiva torsione del femore .
Nel bambino solitamente l’estremita’ superiore del femore e’ ruotata anteriormente di 30 gradi rispetto all’estremita’ inferiore.
Durante la crescita il femore si detorce, riducendo l’angolo di antiversione a 15 gradi circa presente nell’adulto.

Un ritardo di tale processo genera la caratteristica rotazione interna dell’arto durante la marcia riconoscibile dalle rotule che si guardano tra loro, il cosiddetto strabismo,che ci permette la diagnosi differenziale con la torsione tibiale e il metatarso addotto.
Come sopra menzionato tale condizione e’ assolutamente benigna, e non richiede trattamento.

E’ comunque utile evitare che il bambino assuma abitualmente la posizione a W o a ranocchietta, che potrebbe perpetuare la torsione del femore, incoraggiandolo invece a sedersi a gambe incrociate.


NO

SI

TORSIONE TIBIALE INTERNA
La torsione tibiale interna e’ un’altra causa di marcia a punte in dentro, sebbene piu’ rara.
Normalmente la tibia alla nascita e’ ruotata internamente di 10-20°. Durante la crescita e di solito entro il primo anno di vita la tibia subisce una torsione di 30° che porta l’estremita’ inferiore a trovarsi extrarotato di 20°. Se poniamo infatti il bambino seduto con le gambe penzoloni da un tavolo, osserveremo che i piedi si troveranno orientati in extrarotazione, divergenti tra loro.
In una piccola percentuale di casi la tibia resta intrarotata anche in eta’ adulta, non comportando pero’ disturbi funzionali e non richiedendo di solito trattamento o correzione chirurgica.

Metatarso addotto.
Rappresenta un’altra importante causa di deambulazione a punte in dentro.
In tale affezione l’asse del piede invece di essere dritto e’ caratteristicamente curvo , per una deviazione verso l’interno dei metatarsi.
Questa condizione ha una tendenza spontanea alla correzione con la crescita per cui la prognosi a lungo termine e’ ottima e il trattamento si limita all’uso di plantari e calzature correttive.
Nei casi piu severi, specie quando l’afffezione interessa un solo piede possono essere urtili una serie si trattamenti in gesso e raramente l’intervento chirurgico.

Cos’e il piede piatto
L’esame clinico
Il trattamento conservativo
Il trattamento chirurgico

 

 
la cura del piatto nel bambino e nell'adulto
pagina realizzata da Emanuele Chiesa - realizzazione siti internet a Milano e Roma  
eXTReMe Tracker